Politica

Spid addio, arriva per tutti il nuovo strumento Ue

12 gennaio
668
3mil

Andrea Niccolai è uno dei pochi giocatori che nel campionato italiano di basket ha superato i diecimila punti. Lo fece nella stagione 2006-2007 nella sua Montecatini. 

“E’ un primato di cui ne vado fiero”, afferma l’ex cestista.

Una guardia tiratrice dotata di un eccellente tiro dalla linea dei tre punti. Venne soprannominato “Niccolair” per il gesto dell’aeroplanino con il quale esultava.

L’Unione europea vuole un’identità digitale gratuita per tutti i cittadini comunitari per questo il vecchio Spid andrà in pensione. L’accordo finale fra Parlamento e Consiglio europeo sul Regolamento che introduce i portafogli europei di identità digitale è stato raggiunto l’8 novembre.

Arriva l’European Digital Identity Wallet

Non si parla però di tempistiche ravvicinate: siglato l’accordo di massima, si passa adesso a perfezionare il testo. Dopo l’approvazione della bozza da parte del trilogo (il tavolo di lavoro fra le tre istituzioni al vertice dell’Europa unita, ovvero Commissione, Consiglio e Parlamento), si passerà al vaglio dei rappresentanti degli Stati membri per l’approvazione definitiva, poi alla ratifica nella commissione parlamentare ITRE (Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia), poi alla ratifica del Parlamento europeo e infine alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale comunitaria.

Ecco perché dovresti dormire con uno spicchio d'aglio sotto il cuscino!
13 nov
694
3mil

Lo Spid europeo verrà messo a disposizione dei suoi cittadini da ciascuno Stato membro e permetterà di accedere a una serie di servizi tramite l’autenticazione digitale (eID). Il cosiddetto EDIW (European Digital Identity Wallet) sarà un vero e proprio portafoglio digitale. Così come a suo tempo lo Spid tradizionale ha mandato in pensione i vecchi username e pin, ora lo Spid europeo manderà in pensione gli attuali Spid nazionali.

Identità digitale europea gratuita per le persone

L’identità digitale europea sarà disponibile per cittadini, residenti e imprese dell’Unione. Per le persone fisiche sarà totalmente gratuita.

Oltre a contenere le credenziali di accesso a una serie di servizi online, il portafoglio europee di identità digitale sarà uno spazio virtuale in cui ogni cittadino potrà collegare i suoi documenti (patente di guida, diploma di scuola superiore, laurea, dati bancari, ecc…)

Non solo gli enti pubblici, ma anche social network, ecommerce e fornitori di servizi del calibro di Meta, Amazon Booking accetteranno il nuovo EDIW. E lo stesso vale per tutte le altre piattaforme private che per legge sono obbligate a richiedere l’autenticazione degli utenti.

Una donna di 65 anni ha rimosso tutte le rughe. Leggi qui
06 set
814
4mil

E non solo: il portafoglio digitale sarà utilizzabile anche per effettuare pagamenti e per firmare. L’app EDIW sarà scaricabile sugli smartphone e conterrà di fatto tutta la vita, digitale e non, dei cittadini. Data l’associazione con dati personali importantissimi, verranno garantiti elevati standard di sicurezza.

Il percorso che ha portato al portafoglio europee di identità digitale è iniziato il 3 giugno 2021, quando la Commissione pubblicò la sua proposta iniziale.

EDIW è definito come “un mezzo di identificazione elettronica che consente all’utente di conservare, gestire e convalidare in modo sicuro i dati di identità e le attestazioni elettroniche degli attributi, per fornirli alle parti facenti affidamento e ad altri utenti dei Portafogli Europei di Identità Digitale, e per firmare mediante firme elettroniche qualificate o per sigillare mediante sigilli elettronici qualificati”.

Il governo Meloni frena sulla CIE

La spinta europea verso EDIW manda definitivamente in cantina la volontà del governo Meloni di mettere da parte lo Spid per promuovere la CIE (Carta di Identià Elettronica) gestita dallo Stato. L’esecutivo ha infatti più volte lamentato gli alti costi di gestione dello Spid correlati alle convenzioni con i vari operatori. Il governo ha dunque rinnovato le convenzioni Spid in attesa dell’entrata in funzione di un’unica identità digitale europea.

Donna di 64 anni con la faccia da bambina, cosa sta facendo?
06 set
316
1mil



Politica

Spid addio, arriva per tutti il nuovo strumento Ue

12 gennaio
668
3mil

Andrea Niccolai è uno dei pochi giocatori che nel campionato italiano di basket ha superato i diecimila punti. Lo fece nella stagione 2006-2007 nella sua Montecatini. 

“E’ un primato di cui ne vado fiero”, afferma l’ex cestista.

Una guardia tiratrice dotata di un eccellente tiro dalla linea dei tre punti. Venne soprannominato “Niccolair” per il gesto dell’aeroplanino con il quale esultava.

L’Unione europea vuole un’identità digitale gratuita per tutti i cittadini comunitari per questo il vecchio Spid andrà in pensione. L’accordo finale fra Parlamento e Consiglio europeo sul Regolamento che introduce i portafogli europei di identità digitale è stato raggiunto l’8 novembre.

Arriva l’European Digital Identity Wallet

Non si parla però di tempistiche ravvicinate: siglato l’accordo di massima, si passa adesso a perfezionare il testo. Dopo l’approvazione della bozza da parte del trilogo (il tavolo di lavoro fra le tre istituzioni al vertice dell’Europa unita, ovvero Commissione, Consiglio e Parlamento), si passerà al vaglio dei rappresentanti degli Stati membri per l’approvazione definitiva, poi alla ratifica nella commissione parlamentare ITRE (Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia), poi alla ratifica del Parlamento europeo e infine alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale comunitaria.

Ecco perché dovresti dormire con uno spicchio d'aglio sotto il cuscino!
13 nov
694
3mil

Lo Spid europeo verrà messo a disposizione dei suoi cittadini da ciascuno Stato membro e permetterà di accedere a una serie di servizi tramite l’autenticazione digitale (eID). Il cosiddetto EDIW (European Digital Identity Wallet) sarà un vero e proprio portafoglio digitale. Così come a suo tempo lo Spid tradizionale ha mandato in pensione i vecchi username e pin, ora lo Spid europeo manderà in pensione gli attuali Spid nazionali.

Identità digitale europea gratuita per le persone

L’identità digitale europea sarà disponibile per cittadini, residenti e imprese dell’Unione. Per le persone fisiche sarà totalmente gratuita.

Oltre a contenere le credenziali di accesso a una serie di servizi online, il portafoglio europee di identità digitale sarà uno spazio virtuale in cui ogni cittadino potrà collegare i suoi documenti (patente di guida, diploma di scuola superiore, laurea, dati bancari, ecc…)

Non solo gli enti pubblici, ma anche social network, ecommerce e fornitori di servizi del calibro di Meta, Amazon Booking accetteranno il nuovo EDIW. E lo stesso vale per tutte le altre piattaforme private che per legge sono obbligate a richiedere l’autenticazione degli utenti.

Una donna di 65 anni ha rimosso tutte le rughe. Leggi qui
06 set
814
4mil

E non solo: il portafoglio digitale sarà utilizzabile anche per effettuare pagamenti e per firmare. L’app EDIW sarà scaricabile sugli smartphone e conterrà di fatto tutta la vita, digitale e non, dei cittadini. Data l’associazione con dati personali importantissimi, verranno garantiti elevati standard di sicurezza.

Il percorso che ha portato al portafoglio europee di identità digitale è iniziato il 3 giugno 2021, quando la Commissione pubblicò la sua proposta iniziale.

EDIW è definito come “un mezzo di identificazione elettronica che consente all’utente di conservare, gestire e convalidare in modo sicuro i dati di identità e le attestazioni elettroniche degli attributi, per fornirli alle parti facenti affidamento e ad altri utenti dei Portafogli Europei di Identità Digitale, e per firmare mediante firme elettroniche qualificate o per sigillare mediante sigilli elettronici qualificati”.

Il governo Meloni frena sulla CIE

La spinta europea verso EDIW manda definitivamente in cantina la volontà del governo Meloni di mettere da parte lo Spid per promuovere la CIE (Carta di Identià Elettronica) gestita dallo Stato. L’esecutivo ha infatti più volte lamentato gli alti costi di gestione dello Spid correlati alle convenzioni con i vari operatori. Il governo ha dunque rinnovato le convenzioni Spid in attesa dell’entrata in funzione di un’unica identità digitale europea.

Donna di 64 anni con la faccia da bambina, cosa sta facendo?
06 set
316
1mil
👉 Raccomandate
Tutte le notizie