Show business

Marta Fascina, il suo dolore: "Mesi di strazio e tristezza"

25 gennaio
799
3mil

È un dolore ancora vivo e pulsante quello di Marta Fascina per la scomparsa di Silvio Berlusconi: la deputata in questi mesi è stata lontana dal Parlamento, ma ha assicurato che tornerà presto per onorare il suo mandato. In una lunga intervista al Corriere della Sera, la compagna del Cavaliere si è aperta come mai prima, parlando della sua sofferenza.

Marta Fascina, il dolore ancora vivo del lutto

Se il mondo ha perso “un uomo straordinario e un grande statista”, Marta Fascina ha dovuto dire addio all’uomo della sua vita, “colui che mi ha regalato incondizionatamente e quotidianamente gioia e amore“. Intervistata dal Corriere della Sera, la deputata ha raccontato del suo dolore, a distanza di qualche mese dalla sua perdita.

Pronta a tornare in Parlamento per onorare il suo mandato con gli italiani, non ha negato però tutta la sua sofferenza, ancora viva nel suo cuore. “Sono stati quattro mesi di strazio e tristezza. Il vuoto che la sua assenza terrena ha lasciato nella mia vita è incolmabile. Non è possibile superare un grave e improvviso lutto con uno schiocco di dita, ammiro chi ci riesce. Ma per il sentimento che ci legava e ci lega non poteva essere altrimenti”.

Un amore fortissimo quello tra Marta Fascina e il Cavaliere, che trova spazio nei ricordi di ogni attimo passato insieme. Sono ancora vivi gli ultimi momenti di Berlusconi, quelli di un uomo che non si fermava mai: “Non si è mai pronti alla morte. Non lo era lui, come dimostra anche il fatto di aver lavorato fino agli ultimi istanti della sua vita. (…) La notte prima di andarsene mi ha detto “ti amo” e mi ha ribadito quanto fossimo indispensabili l’uno per l’altra; mentre nell’ultimo istante, il più terribile, quello che ho stampato nella mente e nel cuore, mi ha stretto forte la mano“.

Ecco perché dovresti dormire con uno spicchio d'aglio sotto il cuscino!
13 nov
829
4mil

Un amore fortissimo quello tra Marta Fascina e il Cavaliere, che trova spazio nei ricordi di ogni attimo passato insieme. Sono ancora vivi gli ultimi momenti di Berlusconi, quelli di un uomo che non si fermava mai: “Non si è mai pronti alla morte. Non lo era lui, come dimostra anche il fatto di aver lavorato fino agli ultimi istanti della sua vita. (…) La notte prima di andarsene mi ha detto “ti amo” e mi ha ribadito quanto fossimo indispensabili l’uno per l’altra; mentre nell’ultimo istante, il più terribile, quello che ho stampato nella mente e nel cuore, mi ha stretto forte la mano“.

Marta Fascina e il rapporto con i figli del Cavaliere

In queste ultime settimane si è molto parlato del ruolo di Marta Fascina nella vita del Cavaliere, figura tutt’altro che marginale, visto che lo scorso anno le avrebbe chiesto di sposarlo, senza dimenticare il lascito che Silvio Berlusconi ha previsto nel suo testamento per la compagna.

E così la deputata ha voluto commentare l’inchiesta di Report sul condizionamento che lei avrebbe esercitato su Berlusconi. “Chi ha conosciuto Silvio Berlusconi sa bene che ascoltava tutti, con umiltà, salvo decidere in piena autonomia. Dunque, la notizia di presunte mie influenze sul presidente è talmente ridicola che non meriterebbe neppure una smentita“.

Anche sul rapporto con i figli Fascina è stata chiara, del resto una delle pochissime uscite pubbliche della deputata è stata quella del battesimo del figlio minore di Luigi Berlusconi e sua moglie Federica Fumagalli.

Una donna di 65 anni ha rimosso tutte le rughe. Leggi qui
06 set
14
70mille

“Il mio Silvio ha consentito che stringessi strettissimi rapporti anche con i suoi figli straordinari, cui mi lega e mi legherà per sempre un rapporto di stima e affetto -ha ribadito al Corriere -. Rispetto alla questione di Villa San Martino, si trattava di infondati pettegolezzi di stampa già smentiti dalla famiglia Berlusconi. Pur in un momento di grande dolore non potevo che sorridere nel leggerli. Posso solo dire, appunto, che trattasi di misero gossip destituito di ogni fondamento“.




Show business

Marta Fascina, il suo dolore: "Mesi di strazio e tristezza"

25 gennaio
799
3mil

È un dolore ancora vivo e pulsante quello di Marta Fascina per la scomparsa di Silvio Berlusconi: la deputata in questi mesi è stata lontana dal Parlamento, ma ha assicurato che tornerà presto per onorare il suo mandato. In una lunga intervista al Corriere della Sera, la compagna del Cavaliere si è aperta come mai prima, parlando della sua sofferenza.

Marta Fascina, il dolore ancora vivo del lutto

Se il mondo ha perso “un uomo straordinario e un grande statista”, Marta Fascina ha dovuto dire addio all’uomo della sua vita, “colui che mi ha regalato incondizionatamente e quotidianamente gioia e amore“. Intervistata dal Corriere della Sera, la deputata ha raccontato del suo dolore, a distanza di qualche mese dalla sua perdita.

Pronta a tornare in Parlamento per onorare il suo mandato con gli italiani, non ha negato però tutta la sua sofferenza, ancora viva nel suo cuore. “Sono stati quattro mesi di strazio e tristezza. Il vuoto che la sua assenza terrena ha lasciato nella mia vita è incolmabile. Non è possibile superare un grave e improvviso lutto con uno schiocco di dita, ammiro chi ci riesce. Ma per il sentimento che ci legava e ci lega non poteva essere altrimenti”.

Un amore fortissimo quello tra Marta Fascina e il Cavaliere, che trova spazio nei ricordi di ogni attimo passato insieme. Sono ancora vivi gli ultimi momenti di Berlusconi, quelli di un uomo che non si fermava mai: “Non si è mai pronti alla morte. Non lo era lui, come dimostra anche il fatto di aver lavorato fino agli ultimi istanti della sua vita. (…) La notte prima di andarsene mi ha detto “ti amo” e mi ha ribadito quanto fossimo indispensabili l’uno per l’altra; mentre nell’ultimo istante, il più terribile, quello che ho stampato nella mente e nel cuore, mi ha stretto forte la mano“.

Ecco perché dovresti dormire con uno spicchio d'aglio sotto il cuscino!
13 nov
829
4mil

Un amore fortissimo quello tra Marta Fascina e il Cavaliere, che trova spazio nei ricordi di ogni attimo passato insieme. Sono ancora vivi gli ultimi momenti di Berlusconi, quelli di un uomo che non si fermava mai: “Non si è mai pronti alla morte. Non lo era lui, come dimostra anche il fatto di aver lavorato fino agli ultimi istanti della sua vita. (…) La notte prima di andarsene mi ha detto “ti amo” e mi ha ribadito quanto fossimo indispensabili l’uno per l’altra; mentre nell’ultimo istante, il più terribile, quello che ho stampato nella mente e nel cuore, mi ha stretto forte la mano“.

Marta Fascina e il rapporto con i figli del Cavaliere

In queste ultime settimane si è molto parlato del ruolo di Marta Fascina nella vita del Cavaliere, figura tutt’altro che marginale, visto che lo scorso anno le avrebbe chiesto di sposarlo, senza dimenticare il lascito che Silvio Berlusconi ha previsto nel suo testamento per la compagna.

E così la deputata ha voluto commentare l’inchiesta di Report sul condizionamento che lei avrebbe esercitato su Berlusconi. “Chi ha conosciuto Silvio Berlusconi sa bene che ascoltava tutti, con umiltà, salvo decidere in piena autonomia. Dunque, la notizia di presunte mie influenze sul presidente è talmente ridicola che non meriterebbe neppure una smentita“.

Anche sul rapporto con i figli Fascina è stata chiara, del resto una delle pochissime uscite pubbliche della deputata è stata quella del battesimo del figlio minore di Luigi Berlusconi e sua moglie Federica Fumagalli.

Una donna di 65 anni ha rimosso tutte le rughe. Leggi qui
06 set
14
70mille

“Il mio Silvio ha consentito che stringessi strettissimi rapporti anche con i suoi figli straordinari, cui mi lega e mi legherà per sempre un rapporto di stima e affetto -ha ribadito al Corriere -. Rispetto alla questione di Villa San Martino, si trattava di infondati pettegolezzi di stampa già smentiti dalla famiglia Berlusconi. Pur in un momento di grande dolore non potevo che sorridere nel leggerli. Posso solo dire, appunto, che trattasi di misero gossip destituito di ogni fondamento“.

👉 Raccomandate
Tutte le notizie