Sport

Ansia Juventus, Vlahovic in crisi totale: non segna ed è nervoso

05 ottobre
38
190mille

Dopo un grande inizio di stagione, il serbo si è letteralmente bloccato: difficoltà nel gioco e poche palle gol. Ad Allegri il compito di ritrovarlo.

La Juventus sta attraversando un momento delicatissimo. Tanti i problemi all’interno del gruppo bianconero. Tra questi c’è sicuramente un Dusan Vlahovic in grande affanno.

Juventus, Vlahovic sempre più abbandonato a sè stesso

Dopo un ottimo avvio di stagione, con quattro gol nelle prime quattro gare di campionato (doppietta al Sassuolo e reti a Roma e Spezia), Dusan Vlahovic si è letteralmente bloccato.

Non segna dallo scorso 31 agosto in campionato mentre, in Champions League, non ha ancora trovato la via del gol. Là davanti non riesce ad esprimere il suo valore, sempre abbandonato a sè stesso.

Allegri lo sprona ma Vlahovic è sempre più nervoso

Paradossalmente, dall’arrivo di Arek Milik, Dusan Vlahovic è ancora più in difficoltà. Il polacco dovrebbe essere la sua spalla ideale ma, a conti fatti, il serbo sembra soffrire la sua presenza in campo.

Il nervosismo dell’ex attaccante della Fiorentina è evidente. In ogni contrasto, ad ogni palla persa, è sempre più tirato in volto. Il non riuscire a segnare complica ulteriormente le cose. Inoltre, senza l’aiuto di gente dall’assist facile come Angel Di Maria (a rischio lunga squalifica) e Federico Chiesa (ancora fermo ai box), il numero di palle gol a favore del 9 bianconero decresce in maniera impressionante.

Juventus, i difetti nel gioco di Vlahovic

Massimo Mauro, ex calciatore bianconero, è stato chiaro: “Vlahovic il controllo della palla non sa cosa sia, se tu la controlli male e non la tieni è un casino e finisci per mettere in difficoltà l’intera squadra”, le sue parole al Corriere dello Sport. Anche Claudio Marchisio è stato lapidario su Dusan Vlahovic.

Il non riuscire a difendere la palla è un limite, così come la fatica nel liberarsi dai marcatori. Ad onor del vero, il serbo è un classe 2000, quindi è giovanissimo e con ampi margini di miglioramento ma, chiaramente, pesa il prezzo speso dalla Juventus a gennaio per averlo (70 milioni più 10 di bonus alla Fiorentina). Una delle priorità di Massimiliano Allegri è sicuramente quella di metterlo nelle condizioni migliori per tornare ad essere esplosivo in campo. Per uscire dalla crisi in cui si trova, la Vecchia Signora ha bisogno del miglior Dusan Vlahovic e dei suoi gol. Il feeling va ritrovato in fretta.




Sport

Ansia Juventus, Vlahovic in crisi totale: non segna ed è nervoso

05 ottobre
38
190mille

Dopo un grande inizio di stagione, il serbo si è letteralmente bloccato: difficoltà nel gioco e poche palle gol. Ad Allegri il compito di ritrovarlo.

La Juventus sta attraversando un momento delicatissimo. Tanti i problemi all’interno del gruppo bianconero. Tra questi c’è sicuramente un Dusan Vlahovic in grande affanno.

Juventus, Vlahovic sempre più abbandonato a sè stesso

Dopo un ottimo avvio di stagione, con quattro gol nelle prime quattro gare di campionato (doppietta al Sassuolo e reti a Roma e Spezia), Dusan Vlahovic si è letteralmente bloccato.

Non segna dallo scorso 31 agosto in campionato mentre, in Champions League, non ha ancora trovato la via del gol. Là davanti non riesce ad esprimere il suo valore, sempre abbandonato a sè stesso.

Allegri lo sprona ma Vlahovic è sempre più nervoso

Paradossalmente, dall’arrivo di Arek Milik, Dusan Vlahovic è ancora più in difficoltà. Il polacco dovrebbe essere la sua spalla ideale ma, a conti fatti, il serbo sembra soffrire la sua presenza in campo.

Il nervosismo dell’ex attaccante della Fiorentina è evidente. In ogni contrasto, ad ogni palla persa, è sempre più tirato in volto. Il non riuscire a segnare complica ulteriormente le cose. Inoltre, senza l’aiuto di gente dall’assist facile come Angel Di Maria (a rischio lunga squalifica) e Federico Chiesa (ancora fermo ai box), il numero di palle gol a favore del 9 bianconero decresce in maniera impressionante.

Juventus, i difetti nel gioco di Vlahovic

Massimo Mauro, ex calciatore bianconero, è stato chiaro: “Vlahovic il controllo della palla non sa cosa sia, se tu la controlli male e non la tieni è un casino e finisci per mettere in difficoltà l’intera squadra”, le sue parole al Corriere dello Sport. Anche Claudio Marchisio è stato lapidario su Dusan Vlahovic.

Il non riuscire a difendere la palla è un limite, così come la fatica nel liberarsi dai marcatori. Ad onor del vero, il serbo è un classe 2000, quindi è giovanissimo e con ampi margini di miglioramento ma, chiaramente, pesa il prezzo speso dalla Juventus a gennaio per averlo (70 milioni più 10 di bonus alla Fiorentina). Una delle priorità di Massimiliano Allegri è sicuramente quella di metterlo nelle condizioni migliori per tornare ad essere esplosivo in campo. Per uscire dalla crisi in cui si trova, la Vecchia Signora ha bisogno del miglior Dusan Vlahovic e dei suoi gol. Il feeling va ritrovato in fretta.

👉 Raccomandate
Tutte le notizie