Progetti speciali

Carlo III licenzia quasi 100 dipendenti di Clarence House con una lettera: mandati via dopo anni di servizio

28 novembre
732
3mil

Il nuovo re di Gran Bretagna, Carlo III, avrebbe licenziato quasi 100 storici dipendenti della Clarence House attraverso una lettera

Dio salvi il posto di lavoro. È questa, sostanzialmente, la speranza di quasi 100 dipendenti di Carlo III alla Clarence House, sua residenza per circa 20 anni. I lavoratori avrebbero ricevuto una lettera di licenziamento proprio mentre veniva proclamato nuovo re.

La lettera

A lanciare l’indiscrezione ci ha pensato il ‘Guardian’, che avrebbe visionato la lettera ricevuta dai quasi 100 dipendenti a rischio licenziamento.

Tra di loro ce ne sono alcuni che lavorano alla Clarence House da decenni: segretari privati, impiegati dell’ufficio finanziario, di quello della comunicazione e del personale domestico.

Le lettere sono state firmate dal principale aiuto del Re, Sir Clive Alderton, e sono state ricevute dal personale nella giornata di lunedì 12 settembre, durante la cerimonia di commemorazione alla cattedrale di Saint Giles, a Edimburgo.

“Tutto il personale ha lavorato fino a tardi ogni notte da giovedì – giorno della morte della Regina Elisabetta -, per poi ricevere questa notizia. La gente era visibilmente scossa”, ha dichiarato una fonte al Guardian.

Cos’è Clarence House

Clarence House è una casa di proprietà reale di Londra situata sul Mall, adiacente a Saint James’s Palace, con cui condivide il giardino. È aperta al pubblico per circa due mesi ogni estate.

La particolarità è che dal 1953 al 2002 è stata la residenza ufficiale della Regina Madre, fino alla sua morte.

Dal 2003 all’ascesa al trono, invece, è stata la residenza di Carlo III e della moglie Camilla.

Dal 2002 al 2011 Clarence House – che ha quattro piani più l’attico – è stata anche la residenza ufficiale del principe William, mentre dal 2002 al 2017 ci ha abitato anche il principe Harry, fino al fidanzamento con Meghan Markle.

L’incidente con la penna

Sono giornate di forte stress per Carlo III.

Un video diffuso dai media inglesi lo mostra mentre perde le staffe durante la firma del libro dei visitatori al castello di Hillsborough, residenza dei reali in Irlanda del Nord.

Sedutosi alla scrivania, il re si è accorto che la penna sgocciolava inchiostro mentre firmava il suo nome sul registro.

Quando si è alzato l’ha passata alla regina consorte, Camilla, quindi si è voltato verso i collaboratori, visibilmente irritato per essersi macchiato le mani: “Odio questa penna. Non posso sopportare questa dannata cosa. Ogni volta che puzza…”, si sarebbe lasciato sfuggire secondo il ‘Daily Mail’, mentre si puliva le mani con un fazzoletto.

Lunedì 12 settembre, appena proclamato re, Carlo III, prima apporre la sua firma sullo storico documento, dopo aver spostato un ingombrante calamaio dal tavolo si era rivolto irritato a uno dei collaboratori, per indicare con una smorfia sul volto di togliere dalla scrivania il portapenne, in modo che potesse firmare più agevolmente i documenti.

Portapenne e calamaio gli sono stati regalati dai due figli, i principi William ed Harry.




Progetti speciali

Carlo III licenzia quasi 100 dipendenti di Clarence House con una lettera: mandati via dopo anni di servizio

28 novembre
732
3mil

Il nuovo re di Gran Bretagna, Carlo III, avrebbe licenziato quasi 100 storici dipendenti della Clarence House attraverso una lettera

Dio salvi il posto di lavoro. È questa, sostanzialmente, la speranza di quasi 100 dipendenti di Carlo III alla Clarence House, sua residenza per circa 20 anni. I lavoratori avrebbero ricevuto una lettera di licenziamento proprio mentre veniva proclamato nuovo re.

La lettera

A lanciare l’indiscrezione ci ha pensato il ‘Guardian’, che avrebbe visionato la lettera ricevuta dai quasi 100 dipendenti a rischio licenziamento.

Tra di loro ce ne sono alcuni che lavorano alla Clarence House da decenni: segretari privati, impiegati dell’ufficio finanziario, di quello della comunicazione e del personale domestico.

Le lettere sono state firmate dal principale aiuto del Re, Sir Clive Alderton, e sono state ricevute dal personale nella giornata di lunedì 12 settembre, durante la cerimonia di commemorazione alla cattedrale di Saint Giles, a Edimburgo.

“Tutto il personale ha lavorato fino a tardi ogni notte da giovedì – giorno della morte della Regina Elisabetta -, per poi ricevere questa notizia. La gente era visibilmente scossa”, ha dichiarato una fonte al Guardian.

Cos’è Clarence House

Clarence House è una casa di proprietà reale di Londra situata sul Mall, adiacente a Saint James’s Palace, con cui condivide il giardino. È aperta al pubblico per circa due mesi ogni estate.

La particolarità è che dal 1953 al 2002 è stata la residenza ufficiale della Regina Madre, fino alla sua morte.

Dal 2003 all’ascesa al trono, invece, è stata la residenza di Carlo III e della moglie Camilla.

Dal 2002 al 2011 Clarence House – che ha quattro piani più l’attico – è stata anche la residenza ufficiale del principe William, mentre dal 2002 al 2017 ci ha abitato anche il principe Harry, fino al fidanzamento con Meghan Markle.

L’incidente con la penna

Sono giornate di forte stress per Carlo III.

Un video diffuso dai media inglesi lo mostra mentre perde le staffe durante la firma del libro dei visitatori al castello di Hillsborough, residenza dei reali in Irlanda del Nord.

Sedutosi alla scrivania, il re si è accorto che la penna sgocciolava inchiostro mentre firmava il suo nome sul registro.

Quando si è alzato l’ha passata alla regina consorte, Camilla, quindi si è voltato verso i collaboratori, visibilmente irritato per essersi macchiato le mani: “Odio questa penna. Non posso sopportare questa dannata cosa. Ogni volta che puzza…”, si sarebbe lasciato sfuggire secondo il ‘Daily Mail’, mentre si puliva le mani con un fazzoletto.

Lunedì 12 settembre, appena proclamato re, Carlo III, prima apporre la sua firma sullo storico documento, dopo aver spostato un ingombrante calamaio dal tavolo si era rivolto irritato a uno dei collaboratori, per indicare con una smorfia sul volto di togliere dalla scrivania il portapenne, in modo che potesse firmare più agevolmente i documenti.

Portapenne e calamaio gli sono stati regalati dai due figli, i principi William ed Harry.

👉 Raccomandate
Tutte le notizie